Blaise Pascal - Aforismi e Frasi Celebri

Aforismi e frasi di filosofi
Matematico, Fisico, Filosofo e Teologo Francese
(Clermont-Ferrand, 19 giugno 1623 – Parigi, 19 agosto 1662)

Ci sono solo due tipi di uomini, i giusti che si credono peccatori, e i peccatori che si credono giusti.
***
L'eterno silenzio di questi spazi infiniti mi atterrisce.
***
Volete che si pensi bene di voi? Non lodatevi.
***
Se si vanta, l'abbasso; se si abbassa, lo vanto e sempre lo contraddico fino a fargli capire che è un mostro incomprensibile.
***
Non è nello spazio che devo cercare la mia dignità, ma nell'ordine dei miei pensieri. 
***
Come la moda decide dei gusti, così decide della giustizia.
***
Due eccessi da evitare: escludere la ragione, ammettere solo la ragione.
***
Se la nostra condizione fosse veramente felice, non ci sarebbe bisogno di fare di tutto per non pensarci.
***
Più uno è intelligente, più sono le persone che uno trova originali: la gente ordinaria non vede differenza tra gli uomini.
***
I potenti e gli umili conoscono le stesse disgrazie e le stesse passioni, ma uno è in cima alla ruota e l'altro vicino al centro, e così gli stessi movimenti lo agitano meno.
***
Tutte le nostre miserie derivano per lo più dal fatto che non siamo capaci di restare seduti tranquillamente soli in una stanza.
***
È così necessaria la follia degli uomini che non essere folli vorrebbe dire esserlo in un altro modo.
***
Gli atei devono dire cose perfettamente chiare. Ora, non è affatto chiaro che l'anima sia materiale.
***
Così grande è la dolcezza della gloria che, a qualunque oggetto si riferisca, fosse pure la morte, la desideriamo.
***
Nell'amore un silenzio vale più di un discorso.
***
La vanità è a tal punto radicata nel cuore dell'uomo che un soldato, un attendente, un cuciniere, un vessillifero si vantano e vogliono degli ammiratori.
***
L'uomo è evidentemente fatto per pensare. È nel pensiero che sta la sua grandezza.
***
Corriamo spensieratamente verso l'abisso, non prima di aver messo qualcosa tra noi e lui per impedirci di vederlo.
***
L'eccitamento che un giocatore d'azzardo prova quando fa una scommessa è pari alla somma che potrebbe vincere moltiplicata per le probabilità di vincerla.
***
Contraddizioni. L'uomo è per natura credulo, incredulo, pauroso, temerario.
***
Gli uomini, non avendo nessun rimedio contro la morte, la miseria e l'ignoranza, hanno stabilito, per essere felici, di non pensarci mai.
***
Ciò che fa grande la grandezza umana è che si riconosce miserabile; un albero non si riconosce miserabile. Riconoscersi miserabili significa dunque essere miserabili, ma riconoscersi miserabili significa essere grandi.
***
L'inclinazione ad amare se stessi è l'inizio di ogni disordine in guerra, in politica, in economia, nel corpo.
***
L'incostanza è causata dalla consapevolezza della falsità dei piaceri presenti, e dall'ignoranza di quelli assenti.
***
Bassezza degli uomini che arrivano a sottomettersi alle bestie, fino ad adorarle.
***
Né la contraddizione è indice di falsità né la coerenza è segno di verità.
***
Se vivere senza cercare ciò che si è rappresenta un accecamento soprannaturale, è ben terribile vivere male credendo in Dio.
***
Niente è più conforme alla ragione che questa sconfessione della ragione stessa.
***
Le belle azioni nascoste sono le più stimabili.
***
Per quanto la commedia sia stata bella in ogni sua parte, l'ultimo atto è insanguinato. Alla fine ci gettano un po' di terra sulla testa ed eccoci sistemati per sempre.
***
Se tutti gli uomini sapessero ciò che dicono gli uni degli altri non vi sarebbero quattro amici nel mondo.
***
Tra noi e l'inferno o tra noi e il cielo c'è solo la vita, che è la cosa più fragile del mondo.
***
La nobiltà è davvero un gran vantaggio se mette in condizione un uomo di diciotto anni di essere conosciuto e rispettato come un altro potrebbe esserlo solo a cinquanta. Trent'anni guadagnati senza fatica.
***
La nostra presunzione è tale che vorremmo essere conosciuti dal mondo intero e anche da quelli che verranno quando non ci saremo più. Ma siamo così vani che la stima di cinque o sei persone attorno a noi ci fa piacere e ci soddisfa.
***
Le cose umane bisogna capirle per amarle, le cose divine bisogna amarle per capirle.
***
Spesso la curiosità non è che vanità; si vuole sapere per poterne parlare; diversamente non si viaggerebbe certo sul mare per non dirne mai nulla e per il solo piacere di vedere, senza speranza di riferirne mai a qualcuno.
***
Le qualità dell'animo non si possono acquistare con l'abitudine; si perfezionano solamente.
***
Due volti somiglianti, nessuno dei quali preso in se stesso fa ridere, fanno ridere insieme proprio a causa della somiglianza.
***
Non è già che uno debba in quanto possa, ma può in quanto deve.
***

La Fisica del Successo La Fisica del Successo
Come usare gli incredibili segreti della fisica quantistica per creare la vita che desideri
Natalie Reid

Compralo su il Giardino dei Libri