Wolfgang Amadeus Mozart - Aforismi e Frasi Celebri

Aforismi e Frasi Celebri
Compositore, Pianista, Organista e Violinista Austriaco
(Salisburgo, 27 gennaio 1756 – Vienna, 5 dicembre 1791)

Tre cose sono necessarie per un esecutore: l'intelligenza, il cuore, le dita.
***
Non so scrivere in modo poetico: non sono un poeta. Non so distribuire le frasi con tanta arte da far loro gettare ombra e luce: non sono un pittore. Non so neppure esprimere i miei sentimenti e i miei pensieri con i gesti e con la pantomima: non sono un ballerino. Ma posso farlo con i suoni: sono un musicista.
***
Ogni nazione ha la sua opera: perché noi tedeschi non dovremmo averla? Non si può forse cantare in tedesco come in francese e in inglese?
***
Ci sono gli invidiosi, ma quando viene il momento sono costretti a dire la verità. L'onestà ha l'ultima parola.
***
Viviamo in questo mondo per imparare e per illuminarci l'un l'altro.
***
Voi sapete che in quasi tutte le arti sono stati i tedeschi ad eccellere di più. Ma dove hanno trovato la loro fortuna? In Germania, certamente no!
***
Sono un giovane che può sbagliare, come tutti, ma a mia consolazione posso dire che magari lo facessero tutti così poco come me.
***
Io sono un compositore e sono nato per fare il maestro di cappella. Non devo e non posso seppellire in questo modo il mio talento di compositore, quel talento di cui il buon Dio mi ha così generosamente dotato.
***
Ai miei occhi ed alle mie orecchie l'organo è il re di tutti gli strumenti.
***
Il mio difetto principale è che in apparenza non agisco mai sempre come dovrei.
***
Quando si tratta di beffarmi di qualcuno, non posso resistere.
***
La nostra ricchezza muore con noi, poiché l'abbiamo tutta nella nostra testa e nessuno potrà sottrarcela, a meno che non ci taglino la testa e allora…non ci occorre più nulla.
***
Così vanno le cose a questo mondo, uno ha i soldi e l'altro ha la borsa.
***
Morte, amica sincera e carissima dell'uomo. La sua immagine non solo non ha per me nulla di terrificante, ma mi appare addirittura molto tranquillizzante e consolante! E ringrazio il mio Dio di avermi concesso la fortuna di procurarmi l'occasione di riconoscere in essa la chiave della nostra vera felicità.
***
Contro il caso non si può fare nulla e solo Dio può prevedere il futuro.
***

Il Requiem di Mozart Il Requiem di Mozart
La storia. I documenti. La partitura
Christoph Wolff

Compralo su il Giardino dei Libri