Fabio Fazio - Frasi Famose

Frasi Famose
Conduttore Televisivo
(Savona - 30 Novembre 1964)

Leggere l'autobiografia di qualcuno è come fare un incontro di quelli che spesso ti cambiano la vita. 
***
Il libro più importante della vita è sempre quello che stai leggendo. 
***
C'è un rapporto biunivoco tra il premier e il Paese. L'Italia non vedeva l'ora che ci fosse Berlusconi; e l'Italia è così perché c'è Berlusconi.
***
L'amore non accetta mezze misure e possibilmente preferisce quelle al di sopra. 
***
I più bei versi d'amore possono servire a conquistare una donna o a fasciare cioccolatini.
***
Il piccolo schermo è affascinante, immediato, coinvolge, appassiona; il suo vero difetto è la superficialità, non può approfondire, può solo innescare desideri. 
***
La televisione di questo tempo, tutto vuol fare tranne raccontare la realtà. È la tv del verosimile, non del vero. E il nostro con Roberto Saviano “Vieni via con me”, vorrebbe essere un atto di verità, una testimonianza d'amore. Non una trasmissione politica, e neppure d'inchiesta. Un racconto dell'Italia di oggi.
***
Il rapporto libri-televisione è difficile anche perchè per leggere occorre essere soli, in completa intimità; in televisione, da una parte e dall'altra dello schermo, siamo comunque sempre in troppi. 
***
In amore un piccolo gesto può fare perdonare tante cose: dai, slacciati le mutande. 
***
I libri sono cose già pensate, già fatte, già dette, che tu devi elaborare, fare tue. Il tuo interlocutore di carta è sempre gentile, paziente, non ti lascia mai a metà strada. È una persona che ti chiede di ascoltarlo, con il quale puoi fare dei viaggi meravigliosi. 
***
L'uomo è cacciatore, ma spesso diventa vegetariano.
***
Dobbiamo rispecchiare quest'Italia, esattamente come hanno fatto Pippo Baudo, Corrado e Mike Bongiorno negli anni Sessanta. 
***
In amore ci vuole fortuna e comunque anche un bel culo non guasta. 
***
L'Italia di oggi è Un Paese spaventato. Rattrappito dalla paura. Il mondo globale guarda all'Italia e al suo stile, che non significa solo moda ma soprattutto modo di vivere; proprio mentre l'Italia sembra non credere più nel futuro, non pensa che possa essere migliore del presente.
***
Con te ho passato i giorni più belli della mia vita. Fortunatamente per le notti mi ero organizzato diversamente. 
***
Come due strade che provengono lontane, dai due capi opposti del mondo e si incontrano. Questo e' l'amore. Altri piu' semplicemente lo chiamano incrocio e ci mettono un semaforo. 
***
Non ne posso più della Padania. Che cos'è? Quali sono i confini? Io sono di Savona, dove si parla un dialetto diverso da quello di Genova che è a quaranta chilometri, figurarsi da quello di Trieste o di Rimini. Non ne posso più della confusione che si fa tra gli abitanti del Nord Italia e gli elettori della Lega. Ci sono moltissimi settentrionali che non votano Lega e si sentono italiani, non padani.
***
Cinque sono le lettere che compongono la parola Amore, proprio come Merda. 
***
Chi soffre per amore è perché non ha mai avuto i calcoli renali. 
***
C'è un momento in cui si percepisce il piacere, anche fisico, di leggere. Per me quel momento è coinciso con la fine della scuola. Perché quando finisce l'obbligo, il dovere della lettura si trasforma in piacere e quei libri che erano stati vissuti come momento di studio diventano scelte personali. E' l'inizio del tuo telecomando. 
***
Basta un attimo per innamorarsi, quindi... non distraetevi. 
***
Amore significa capirsi prima di parlare, quindi... Taci. 
***
Amore e' camminare al tramonto, a piedi scalzi, sulla spiaggia e passare tutta la notte a pulirsi il catrame dai piedi. 
***
Se un esquimese fosse portato per il golf, come e soprattutto dove potrebbe allenarsi?
***
Alcuni matrimoni durano pochi mesi, ma non ti illudere: i più durano una vita. 
***
Sono alla Rai da ventisette anni. Ho ancora un anno di contratto. Ricordo la prima volta che andai in via Teulada: era una leggenda che diventava realtà. Temo che la svolta sia venuta quando è caduto l'articolo, quando "la Rai" è diventata semplicemente "Rai": Rai e Mediaset. Si è cominciato allora a dire "l'azienda", pur sapendo che la Rai non poteva essere, anzi non doveva essere solo un'azienda.
***
Per la mia generazione la televisione è stata una forma primitiva di letteratura. 
***
Se ogni volta che ci si incarna si evolve, che cos'era nella vita precedente Gigi Marzullo? 
***
La politica non è il mio editore. Punto e basta.
***
Se io sono figlio della televisione, la generazione di oggi è figlia dei videoclip, quindi di un linguaggio frammentato, pieno di anacoluti, l'esatto contrario della parola scritta. 
***
Quanto si potrà incazzare una tartaruga che dopo due chilometri si accorgesse di aver sbagliato strada?
***
Quando due cuori si incontrano vuol dire che c'è confusione in sala operatoria.
***
Non sopporto quelli che dicono di non leggere perché non ne hanno il tempo, sono bugiardi. Il tempo si trova sempre. 
***
La pagina scritta esercita al meglio la fantasia, è addirittura meglio del cinema, spesso fa persino più paura. Non ne faccio una questione di rimpianti o di moralismi. È così e basta. Lo spazio per la lettura è una cosa che si impara a trovare piano piano. 
***