Arthur Conan Doyle - Aforismi e Frasi Celebri


Aforismi e Frasi Celebri
Scrittore, Medico e Poeta Scozzese
(Edimburgo 1859 – Crowborough 1930)

Senza immaginazione, la paura non esiste.
***
Non faccio mai eccezioni. Un'eccezione dimostra la falsità della regola.
***
Tra il grottesco e l'orribile non vi è che un passo.
***
Il modo migliore per recitare una parte è quello di viverla.
***
È facile per chi sta al sole predicare a chi rimane nell'ombra.
***
Siamo abituati al fatto che gli uomini disprezzino ciò che non comprendono.
***
Il lavoro è il miglior antidoto alla tristezza.
***
Alcuni fatti dovrebbero essere soppressi o, almeno, bisognerebbe osservare un giusto senso delle proporzioni nel trattarli.
***
Il mondo è pieno di cose ovvie che nessuno si prende mai la cura di osservare.
***
È un errore gravissimo quello di formulare ipotesi prima di avere tutti gli indizi. Distorce il giudizio.
***
Le piccole cose sono infinitamente le più grandi.
***
Il tocco supremo dell'artista è sapere quando fermarsi.
***
È uno strano fisico, il mio. Non ricordo di essermi mai sentito stanco per il lavoro, e invece l'ozio mi sfinisce.
***
È la stupidità piuttosto che il coraggio che ti fa negare il pericolo anche quando lo hai davanti.
***
Due fiumi possono avere la stessa sorgente, eppure possono essere uno limpido e l'altro torbido.
***
In nove casi su dieci la statura di una persona si può calcolare dalla lunghezza del suo passo.
***
Una volta eliminato l'impossibile ciò che rimane, per quanto improbabile, dev'essere la verità.
***
Il ripudio delle nostre stesse parole è il più grande sacrificio che ci viene richiesto dalla verità.
***
Dicono che il genio consista in un’illimitata capacità di aver cura dei dettagli.
***
Il crimine è una cosa comune. La logica è rara. Tuttavia è sulla logica che dovresti insistere.
***
Non c'è nulla di più innaturale dell'ovvio.
***
Eliminato l'impossibile, ciò che resta, per improbabile che sia, deve essere la verità.
***
Non posso vivere se non faccio lavorare il cervello. Quale altro scopo c'è nella vita?
***
La singolarità è quasi invariabilmente un indizio. Quanto più un crimine è banale e comune, tanto più difficile è comprenderlo.
***

Le Avventure di Sherlock Holmes Arthur Conan Doyle Le Avventure di Sherlock Holmes

Arthur Conan Doyle

Compralo su il Giardino dei Libri