Pippo Baudo - Frasi Celebri

Frasi Celebri
Conduttore Televisivo
(Catania 7 Giugno 1936)

Viale Mazzini è una specie di carcere. Tante celle che si affacciano su lunghi corridoi. Quando ero in disgrazia nessuno usciva dalle celle a salutarmi. Adesso corrono fuori tutti festanti a dirmi benvenuto. L'audience influisce anche sulle amicizie.
***
Questo lavoro si fa soltanto quando si è felici.
***
Un ospite che mi ha messo in difficoltà? Uno solo, Roberto Benigni, al quale però voglio troppo bene. La prima volta che venne in trasmissione, mentre ci riprendevano a mezzo busto, mi diede con la mano un colpo secco sui genitali che mi lasciò senza fiato.
***
Devo ringraziare Silvio Berlusconi che è stato un uomo di grandissima sensibilità, in quanto ha perfettamente capito il mio stato d'animo: chi lo dipinge come un duro spietato, dice una bugia, lui è una persona umanissima, che capisce tutto.
***
La televisione è come una spugna: raccoglie tutto ciò che c'è sul pavimento. E quando la spremi ne fuoriesce il succo della società.
***
La Televisione è poco curata. La qualità è scadente. Funziona di più mettere 10 persone dentro una casa davanti a venti telecamere fisse e vedere cosa succede. Oppure fare esplodere la “quizzomania”, quattro domande idiote che fanno sentire intelligenti le persone a casa.
***
Scazzottiamoci, prendiamoci a sputi in faccia, così fottiamo il pubblico, lo imbarbariamo e avremo un'Italia di merda.
***